Antropometria: come Misurare il tuo Stato Nutrizionale

antropometriaL’antropometria (dal greco άνθρωπος, uomo, e μέτρον, misura) è la scienza che si occupa di misurare il corpo umano nella sua totalità o nelle sue componenti.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità (WHO) non avrebbe potuto essere più chiara sull’importanza dell’antropometria per la valutazione dello stato nutrizionale di un individuo .

cuore-mela

Hai più massa magra o massa grassa? Scoprilo col Bioimpedenziometro ››

Per l’assenza d’invasività, la semplicità d’esecuzione, la portabilità, il basso costo e la disponibilità di valori di riferimento. La valutazione antropometrica dello stato nutrizionale di un individuo si può distinguere in tre fasi:

 

1. Misurazione di peso e statura

con il calcolo degli indici pondero-staturali;consente una prima valutazione obiettiva della malnutrizione per eccesso o difetto. L’indice di massa corporea [BMI, body mass index = BW (kg) / BH (m)2] è l’indice pondero-staturale più impiegato nella pratica clinica in ragione del suo valore prognostico nella malnutrizione per eccesso e per difetto (1, 4) (Tab. 1).

Classificazione BMI (Kg/m²)
Sottopeso < 18,5
Normopeso 18,5 – 24,9
Sovrappeso ≥ 25,00
Pre-obeso 25,0 – 29,9
Obeso Classe I 30,0 – 34,9
Obeso Classe II 35,0 – 39,9
Obeso Classe III ≥ 40,00
2. Misurazione di pliche e circonferenze

con il calcolo delle aree muscolo-adipose degli arti e la definizione della distribuzione del tessuto adiposo sottocutaneo; le pliche consentono una valutazione obiettiva del grasso sottocutaneo. Esse possono essere utilizzate: a) come indicatori di adiposità, b) per il calcolo delle aree muscolo-adipose degli arti, c) come indicatori del rischio di malattia e d) per la predizione della FM. Le pliche più utilizzate nella pratica clinica sono la plica sottoscapolare (SSF) e quella tricipitale (TSF).

La SSF è un indicatore dei depositi adiposi sottocutanei della regione posteriore del torace ed è la plica meglio correlata con la pressione arteriosa e la colesterolemia mentre la TSF è un indicatore dei depositi adiposi sottocutanei della regione posteriore del braccio ed è la plica più frequentemente misurata, per il valore prognostico nella malnutrizione per difetto.

3. Misurazione dei diametri

con la definizione della taglia corporea; Le circonferenze più utilizzate nella pratica clinica sono la circonferenza della vita (WC) e la circonferenza del braccio (AC). WC è un indicatore del tessuto adiposo sottocutaneo addominale. Essa è una componente standard della valutazione antropometrica del soggetto in sovrappeso in ragione della sua associazione col rischio metabolico e cardiovascolare (Tab. 2). Assieme a TSF, AC è una componente standard della valutazione antropometrica dello stato nutrizionale nella malnutrizione per difetto inoltre si utilizzano i AC e TSF per calcolare l’area muscolare (AMA):

Rischio Aumentato Rischio Sostanzialmente Aumentato
Uomini ≥ 94 cm ≥ 102 cm
Donne ≥ 80 cm ≥ 88 cm

Quindi l’impiego dei  quattro indicatori antropometrici: BW, BH, AMA e sommatoria di TSF e SSF  sono indispensabili per determinare lo stato nutrizionale di un individuo. La valutazione separata di BW e BH è sempre utile nel bambino ma nell’adulto è spesso sufficiente considerare il valore del BMI, purché l’individuo non sia di statura eccessivamente bassa od elevata. Il vantaggio derivante dall’impiego di AMA e 2SF dipende dal fatto che essi sono indicatori di adiposità e muscolarità più obiettivi di BW, BH e BMI.

MISURA IL TUO STATO NUTRIZIONALE ››